Aggiornamenti dal mondo Pannova

Salento, NO alla TAP anche da Brindisi e la sfida rinnovabili

La sfida di fotovoltaico, solare termico e biomasse alla TAP

Non è la prima volta che la centrale a carbone di Cerano viene strattonata e trascinata nel dibattito del gasdotto TAP. Un filo invisibile, ma tenace, lega del resto le due infrastrutture energetiche: lo stesso lembo di Puglia, lo scenario di decarbonizzazione incentivato dalla strategia energetica nazionale, e poi soprattutto la ciclica suggestione della conversione del colosso "Federico II" che, 60 km più a nord delle coste salentine di San Foca (Lecce), brucia tonnellate di combustibile fossile.

Ma quel filo Cerano-TAP è destinato a corrodersi e sfilacciarsi. Già in passato il "no" dei vertici a capo della centrale alla riconversione col gas foraggiato da TAP è stato un paletto piantato più volte.

Le ragioni della chiusura a doppia mandata sono molteplici: gli impianti della centrale non si prestano a interventi di vero e proprio smantellamento e revisione strutturali, a causa degli imponenti investimenti realizzati in epoca relativamente recente e della scarsa redditività delle centrali a gas rispetto a quelle a carbone.

Negli ultimi anni sono state costruite in Italia molte centrali a ciclo combinato a gas.

Volendo restringere l'esame a quelle meridionali, il dato inconfutabile è che questi impianti lavorano a meno del 25% del loro potenziale, a causa del forte aumento della produzione elettrica da fonti rinnovabili (solare fotovoltaico, eolico, solare termico, biomasse, ecc.). Ma non basta, perché lo scenario è ben altro, da curva a gomito e da inversione netta. La parola d'ordine è "defossilizzazione", che abbraccia l'addio alle fonti fossili in generale, quindi non solo al carbone, ma anche al metano.

Messaggio ai naviganti, insomma: semmai TAP dovesse migrare da Lecce verso Brindisi, la centrale di Cerano non sarà della partita.

[Fonte: "Quotidioano di Puglia" del 22/11/2015]

 

Questo sito utilizza i cookies per raccogliere informazioni anonime al fine di migliorare l'esperienza utente. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookies.